Per luoghi misteriosi /8

Un paio di giorni fa avevamo preannunciato la realizzazione di un opera un un luogo abbandonato presentando due immagini che documentavano l’inizio del lavoro:

      

_____________________________

Orbene, questa sera siamo in grado di presentarvi il pezzo terminato; si tratta della rappresentazione classica del simbolo del taoismo, una filosofia cinese risalente al primo secolo d.C., dove al centro di tutto sta l’universo in continuo divenire ed in costante movimento. Il continuo divenire è l’Essere, da esso deriva il mondo e tutto ciò che esiste; prima c’era il non-essere. Curioso che questo pensiero si colleghi alle scuole filosofiche greche che videro gli albori già nel sesto secolo avanti Cristo e si perpetui poi nella filosofia moderna passando per Kant e arrivando ai giorni nostri a permeare gli scritti di Bergson (Materia e Memoria). In questo pezzo sono rappresentate le due polarità presenti in natura, lo Yin, principio negativo (il nero) e lo Yang principio positivo (il bianco); polarità che con le quali entriamo in contatto, secondo il Taoismo, tutti i giorni; ciò che permette la vita è in continuo contrasto fra gli opposti, il giorno e la notte, il bene e il male, il freddo e il caldo, l’odio e l’amore, il bianco e il nero per l’appunto.

Il pezzo riprende l’opera realizzata dal Professor Bad Trip, artista Spezzino prematuramente scomparso nel 2006 e riprodotta sulla copertina del libro “Come Dio comanda” di Niccolò Ammaniti. Buona visione!

il pezzo

_________________________________

      

     

particolari

________________________________________________

      

l’ambiente espositivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *