Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /417

Il 25 maggio del 2015 capitammo per caso nella ex sede di una famosa Galleria Underground di Roma; ci intrufolammo furtivamente in mezzo a calcinacci vari, osservati da stupiti muratori che stavano mettendo mano ad un rapido lavoro di rinnovamento dei locali. Proprio in tempo per trovate accatastate addosso ad un muro parzialmente affrescato alcune tavole malmesse (evidenti reperti di porte dell’altro secolo, non il passato, ma il precedente ancora) in attesa, come ci disse un giovane operaio con un italiano malfermo, di essere portate in discarica. Con il permesso dei lavoranti riuscimmo a mettere temporaneamente le mani su quei reperti e trovammo una sorpresa che supplicammo potercela portare via ma non ci fu nulla da fare; furono irremovibili: potevamo guardare, al massimo fotografare, ma le tavole dovevano perentoriamente, come da chiari ordini ricevuti, essere conferite in discarica per essere bruciate. Bene, ecco cosa contenevano quelle tavole appoggiate addosso a questo muro:

Jerico: opera destinata a rimanere incompiuta

______________________________________

prima tavola: Jerico

seconda tavola: Alice

terza tavola: Jerico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *