Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /439

E’ sempre un piacere superare la soglia di quel ponte levatoio che porta al Forte Prenestino, passare nelle gallerie a volta, completamente affrescate con murales variopinti, che conducono ai vari ambienti, per infilarsi poi in un cunicolo che ti permette di raggiungere le centinaia di nicchie una volta deputate a conservare armi e munizioni della intera piazza militare romana, oggi in grado di accogliere i partecipanti alle tante attività socio-culturali-commerciali che si svolgono al “Forte” nel corso dell’anno, alcune delle quali hanno assunto addirittura valenza internazionale, basta citare il Crack ed Enotica.

Ma ieri è stato ancora più piacevole; avevamo visto di sfuggita sul web l’immagine di un pezzo di Aloha  Oe e subito avevamo riconosciuto l’ambiente che lo ospitava. Quindi il motivo della nostra visita era concreto; infatti, superato agevolmente (avendolo trovato aperto) il grosso cancellone d’ingresso, imboccato il lungo corridoio, lo abbiamo percorso fino in fondo e lì, su uno stipite si stagliava il pezzo che cercavamo. Eccolo!

il pezzo di Aloha

      

un po’ d’ambiente

________________________________

Beh, già che ci siamo, diamo un’occhiata in giro; può darsi che troviamo qualcosa di nuovo, o meglio, qualcosa che c’è sempre stato ma che non avevamo trovato perché magari coperto da tavole o cianfrusaglie varie. Ebbene, siamo stati subito ripagati; presentiamo nell’ordine un poster complesso, affisso probabilmente nel corso dell’ultimo Crack, ma tenuto nascosto da altri prodotti affissi per l’occasione; poi vedremo un ritratto dal vago sapore futurista ed infine un elegantissimo pezzo di Cancelletto.

il poster

ritratto in bianco e nero di “Pocaluce, c’ha visto lungo!”, sotto arrabbiata, come sempre, la scimmia di Tenia

l’uomo ragno (o il ragno uomo) visto da Cancelletto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *