Per luoghi misteriosi /11

Ed eccoci al rush finale del nostro Tour de Force all’interno di uno dei luoghi abbandonati più affascinanti della sconfinata periferia romana; ricordiamo che abbiamo già passato due serate all’interno di quella che doveva essere la “Città del Rugby” e che invece è diventato uno dei tanti luoghi abbandonati al degrado dopo avervi lucrato sopra!

Precisiamo che la nostra visita non ha anche lo scopo di denunciare le violenze finanziarie e culturali che vengono perpetrate alle spalle dei cittadini inermi, bensì ha il solo scopo di presentare agli appassionati dell’arte pittorica di strada, il pezzi realizzati all’interno della struttura da parte degli street artist.

Riprendiamo il nostro percorso dove lo avevamo lasciato ieri, quando eravamo usciti dalla palestra/hangar; ora ci troviamo al piano inferiore, quello dei servizi, ogni tanto dovremo uscire per poter passare in altri ambienti. Infine, risaliremo verso le piscine e da lì, usciremo per dove siamo entrati.

Per far sì che il resoconto del nostro viaggio nella Città del Rugby sia esaustivo siamo costretti a presentare un corposo pacchetto di immagini; speriamo di non annoiare più di tanto i frequentatori del progetto “FotografiaErrante”. Buona visione!

      

allo stenditoio: i due pezzi più datati del sito

locale lavanderia

_________________________________

      

      

uno dei tanti magazzini

________________________________________

       

pezzi del 2016

______________________________________

nelle rampe per la centrale termica 

_______________________________________

Ora ci reimmergiamo e arriviamo nella pancia del mastodonte:

      

      

___________________________________

Riemergiamo nuovamente, una boccata d’aria……………..

………………e giù di corsa nell’immenso ambiente parcheggi a vederci l’unico pezzo presente

____________________________________________________

Il viaggio volge al termine, risaliamo alle piscine:

      

      

      

Ed ora usciamo da dove siamo entrati, ci voltiamo ed ecco i due guardiani del sito:

Selet e Tadh

      

in primo piano

_________________________________

Terminiamo in bellezza, presentando uno spicchio dei 36 ettari del parco di pertinenza:

nonché le centrali termica e operativa del sistema

      

_________________________________________

un saluto dalla Città del Rugby

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *