Per luoghi misteriosi /12

Era tanto tempo che cercavamo di entrare in un posto abbandonando carico di storia, ma per tanti motivi la possibilità di entrarvi ci era stata negata, sempre all’ultimo momento. Ma la nostra insistenza alla fine è stata ripagata; oggi finalmente siamo riusciti a visitarlo e a vedere, in carne e ossa (si fa per dire) i pezzi che colà sono custoditi.

Il primo impatto, come al solito ci da una sferzata di adrenalina; dobbiamo fare piano, il posto è sorvegliato, non dobbiamo assolutamente fare rumore, altrimenti i cani iniziano ad abbaiare e il vicinato comincerà a sospettare la presenza di estranei nel sito; eccolo!

       

_________________________________

Il primo pezzo che incontriamo è una via di mezzo, forse il pezzo mancante, fra writing e figurativo, semplice e allo stesso tempo ingegnoso

E nello stanzone successivo entriamo in contatto con un grande pezzo, una bellezza al bagno con problemi esistenziali letteralmente compressa da un esercizio calligrafico

il pezzo di Easy

     

ci guardiamo un po’ intorno

E finalmente arriviamo nel posto più nascosto, dove finalmente troviamo ciò che stavamo cercando; vari pezzi di cui avevamo scoperto l’esistenza fin da maggio dello scorso anno. Erano lì ad attenderci.

Skirl

Skirl

Ruin

_______________________________

      

Plotbot Ken                                                                                                                         Vegan Flava        

nell’ambiente

______________________________

Missione compiuta; prima di lasciare il sito, saliamo rapidamente le scale e andiamo a vederci da vicino un pezzo che avevamo spesso visto da lontano. Sta proprio li sul tetto del nostro immenso capannone

Una rapida occhiata all’ambiente:

e via, DI CORSA!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *