Per luoghi misteriosi /21

Nel precedente capitolo dei luoghi misteriosi, quando avevamo presentato il maiale e la volpe di Gojo, avevamo dimenticato (volutamente) di  dire che c’erano ancora tre pezzi da scoprire, sempre realizzati dalla mano eclettica di Paolo “Gojo”: uno schizzo, un sogno e un capolavoro!

Realizzati, si dice, con una mano indemoniata che andava per conto suo. E non poteva fare altro, visto che, almeno per il secondo ed il terzo pezzo, non ci fosse luce sufficiente nemmeno per vedere quale colore si stesse veramente usando; noi abbiamo dovuto effettuare, per la ripresa delle immagini, pose di 30 secondi e usare una sensibilità del sensore ai limiti dell’immaginabile.

Iniziamo dal primo pezzo, lo schizzo di un guerrigliero latino-americano con tanto di cappellino con visiera, barbudo, con naso e orecchie pronunciati, con vaga somiglianza al Lider Maximo

 

_______________________________________________

Poi muovendoci passando al di là di macchinari arruginiti

troviamo un animale immaginario, tanto cane, un po’ maialino, volante per giunta, con un paio di minuscole ali, appena accennate, trasparenti

_________________________________________

Attraversiamo un pertugio che ci permette di entrare in una piccola sala; anche qui macchinari misteriosi, a noi sembrano tre motori a scoppio ognuno a due cilindri

E proprio lì difronte, l’ultimo pezzo di Gojo, sommo pezzo!

l’ambiente espositivo

________________________________________

_______________________________

cimelio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *