Subvertising (sovvertire la pubblicità) /9

A un anno di distanza dall’ultimo intervento sul suolo Italico e a due mesi dalla scorribanda Varsaviana, torniamo a interessarci del progetto Subvertising. Lo facciamo perchè questa mattina nel corso di una delle nostre abituali e ormai quotidiane escursioni, siamo incappati in un manifesto pubblicitario un po’ anomalo che se ne stava esposto al sole d’inverno su una pensilina della fermata del bus 85, in via Tuscolana (poi vi diremo dove con esattezza). Strano dicevamo, perchè il messaggio pubblicitario che lanciava, di questi tempi di recessione culturale, era vistosamente controcorrente. A una rapida analisi della situazione, anche considerando la magnanimità e la lungimiranza (ovviamente per mero calcolo economico e finanziario) di qualche industriale illuminato, facendo due più due, ci siamo resi conto di trovarci di fronte a un messaggio sovversivo, nel senso che vuole sovvertire il sistema di addormentamento delle masse, messo in atto dal potere costituito. Infatti questo manifesto non faceva altro che auspicare che dal mondo scomparissero le frontiere, un vero e proprio sacrilegio per i comandanti di oggi. Ecco il pezzo incriminato

Doublewhy

Incuriositi abbiamo fatto il giro della pensilina e abbiamo trovato un altro messaggio pubblicitario, udite, udite, questa volta veritiero. Quale operatore che vuole farsi pubblicità, dice apertamente la verità facendosi pubblicità? Nessuno, voi direte! Ecco perchè ci siamo messi di nuovo in allarme; questo manifesto dava il benvenuto in Europa mostrando il vero volto dell’Europa; una altro sacrilegio insomma. Ecco il manifesto col suo contenuto

Illustre Feccia

Ed ecco ora il sito espositivo; siamo in via Tuscolana alla fermata di fronte al Liceo Classico Sperimentale “Bertrand Russell” (almeno una volta si chiamava così)

il lato esterno della pensilina

il lato interno

escursione notturna

______________________________________________________

Allertati da questo doppio rinvenimento abbiamo ritenuto opportuno fare una piccola indagine per vedere se vi fossero altre esposizioni di pezzi “sovversivi” e ce ne siamo andati, senza indugio, a piazzale Prenestino, sito preferito del “Collettivo Subvertising” e lì abbiamo avuto la conferma che la nostra previsione fosse esatta. Lì, su quella bellissima pensilina, a tre posti, abbiamo trovato nuovamente i due pezzi appena presentati accompagnati da un terzo pezzo che mette alla berlina il messaggio pubblicitario di uno dei prodotti più famosi e più incancreniti della alimentazione (colazione e dopocena) degli italiani, specialmente dei giovani. Ecco il pezzo

Messaggio principale “Crema da spalmare al sapore di goliardia Cachereccia” accompagnato da uno stimolante “Creatività dissidente tutta da spalmare”. Il pezzo se non si è capito, e di Illustre Feccia.

E non potevamo andarcene da questo sito espositivo senza aver fatto un salutare reportage ambientale dove si evidenzia anche l’interesse dei cittadini a questa strana forma di “pubblicità”.

la pensilina sotto la sopraelevata

___________________________________________

Soddisfatti, in questa domenica in cui non si doveva circolare con automobili e moto, ma dove ognuno faceva il bello del comodo suo, noi, sovversivi ma rispettosi delle regole, nel nostro continuare a girovagare, siamo incappati, di nuovo in via Tuscolana, in un’altra pensilina sovversiva. Qui i due posti disponibili erano stati il primo occupato dal manifesto or ora visto di Illustre Feccia sulla “Crema spalmabile”, il secondo da un nuovo manifesto, di Hogre, eccolo:

Non pensare, Indifferente

Una sferzante rasoiata alla più grande industria di mezzi di comunicazione

Concludiamo l’escursione mostrando anche quest’ultimo sito, che, e lo diciamo per i più audaci, si trova nei pressi della chiesa di Santa Maria Ausiliatrice.

la pensilina

passaggio notturno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.