Subvertising (sovvertire la pubblicità) /7

Ricordate la prima puntata con la quale presentammo il progetto “Subvertising“, quello che prendeva di mira la pubblicità e la metteva sotto processo, con le stesse armi che la pubblicità usava, il tabellone pubblicitario? Ovviamente manipolato da mani sapienti in maniera tale da mettere per prima cosa in ridicolo il messaggio pubblicitario contenuto nell’originale.

Mostrammo un workshop sull’argomento che si era tenuto qui a Roma; poi negli articoli successivi seguimmo “l’Agenzia di Sbvertising” mentre manometteva istallazioni pubblicitarie, principalmente quelle luminose poste sulle pensiline delle fermate di bus e tram in giro per Roma. Uno dei manifesti era questo

Ebbene, quello stesso manifesto, lo abbiamo trovato ad un anno di distanza, tradotto in una lingua a noi sconosciuta, il polacco, nella città di Varsavia; eccolo

______________________________

La premessa ci pare buona; tutti avranno capito che il progetto “Subvertising” ha superato le frontiere del nostro paese ed è giunto questa volta a Varsavia. Anche lì, come a Roma, è stato organizzato un Workshop che il nostro inviato senza nome ha registrato per noi. Ecco una breve sequenza sulle operazioni di manipolazione dei manifesti pubblicitari locali, dove giovani artisti sono intervenuti modificando opportunamente l’aspetto dei personaggi e/o sostituendo le parole chiave dei messaggi trasmessi al fine di cambiarne radicalmente il significato, magari trasformandolo in un boomerang che si scaglia contro l’azienda stessa. Ovviamente, come per l’evento organizzato a Roma, anche quello che si è tenuto qui a Varsavia, vede Hogre come protagonista assoluto. Tra gli animatori del laboratorio Subvertising spiccano i nomi di Illustre Feccia, Doublewhy, Matt Bonner e Special Patrol Group.

      

momento di discussione                                                                                                   un pezzo prodotto

      

ex Chanel di Illustre Feccia e Doublewhy

      

qui anche i caratteri letterari diventano ostici per noi

       

ex alimenti orientali

     

__________________________________

Dopo tanto lavoro e discussione sono stati prodotti dei prototipi che saranno destinati a sostituire analoghi manifesti pubblicitari, anche in questo caso, dentro le bacheche luminose delle fermate di bus e tram di Varsavia e forse anche dentro le fermate delle metropolitane; staremo a vedere. Intanto ecco sei dei manifesti realizzati.

Per capirne il messaggio sovvertito è necessario dotarsi di un valido interprete, però madrelingua, che conosca anche usi e costumi di quel paese.

      

       

Ukradnij by Hogre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.