Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /117

Stasera 18 gennaio parliamo di uno street artist che già è passato attraverso le maglie di “FotografiaErrante” in occasione della presentazione dell’evento “Colla” e con il murale al giorno numero 49 del 16 settembre 2014. Oggi è apparso a Roma una sua altra opera/poster che si intitola “Gimme one more life” (Dammi un’altra vita) che qui vi presentiamo.

L’artista è Adr; nel corso del 2014, ha partecipato sia a festival di cultura indipendente, come #Colla (dedicato alla sticker art e poster art e organizzato da Andy Green) o al  Crack! Fumetti dirompenti 2014 al Forte Prenestino (con il progetto Rivoluzione animata) sia a progetti curatoriali come CONVIVIO per Nuda Proprietà a Rialto Sant’Ambrogio.
Parallelamente svolge un’attività autonoma per le strade, i vicoli, le nicchie della Città eterna.Una parte della ricerca perseguita da Adr consiste in una rielaborazione attualizzata di alcuni soggetti e raffigurazioni dalla Storia dell’Arte. La conseguente area di ispirazione si inquadra in un vasto periodo che va dal Rinascimento al Manierismo fino al Barocco.

Come già detto opera/poster che presentiamo stasera si intitola GIMME ONE MORE LIFE (Dammi un’altra vita).

Un’ironica ma veritiera riflessione sulla dipendenza dagli smartphone ai giorni nostri.
Il Bacchino malato (1593-1594) di Caravaggio impugna al posto del consueto grappolo d’uva un i-phone di ultima generazione, sul cui schermo compare il logo di Candy Crush Saga, il più popolare tra i giochi per smartphone e Facebook. All’interno del gioco infatti, al momento del termine delle vite predefinite, invece di attendere forzatamente un determinato lasso di tempo per continuare, per l’utente è possibile acquistarne una nuova vita per soddisfare il proprio impellente e morboso attaccamento.
Che possa invece essere plausibIle, contemplabile anche lontanamente immaginabile un’interpretazione completamente differente dell’opera?
Che lo sguardo del bacchino malato ed i suoi occhi sofferenti rimandino invece ad una richiesta d’aiuto nei confronti dello spettatore fino anche ad una volontà di redenzione da quella sudditanza tecnologica di vita e di gioco, percepita come troppo pesante, come suggerirebbe velatamente il titolo Dammi un’altra vita?
Ai poster l’ardua sentenza.

*Analisi critica e culturale dell’opera curata da Tiziano Tancredi, studente di Storia dell’Arte Contemporanea presso l’università “La Sapienza”, redattore di testi critici di alcune mostre.

117a

l’opera

117b

l’ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.