Arte da Rubare /1

Oggi parliamo di un artista “sui generis” che circa 15 anni ebbe l’idea di abbandonare dei quadri in strada a disposizione delle persone più attente ed interessate al mondo a loro circostante; nacque così un raffinato progetto di avanguardia culturale e di interazione artistica che prese il nome di ‘Arte da rubare’.  Questa operazione la fece inizialmente in maniera del tutto semplice ed amorfa; poi iniziò a lasciare la sua mail sul retro delle opere che esponeva nei luoghi più impensati e strani; abbiamo visto quadri fare mostra di se anche sulle reti di protezione della sopraelevata che scavalca lo scalo ferroviario di S.Lorenzo, impossibile da percorrere a piedi ma ancora più impossibile pensare di potervi arrestare il proprio veicolo per afferrare il quadro e portarselo via. Mentre il progetto “Arte da rubare” prese corpo, nacque un rapporto epistolare tra l’artista e coloro che “rubavano” i quadri; non solo mail ma incontri ed accadimenti sempre più singolari. Avremo modo in un prossimo futuro di rendere partecipi di questa esperienza i frequentatori del progetto culturale “FotografiaErrante”.

L’ideatore del progetto “Arte da rubare” è “Canz” (vedi murale al giorno numero 177 del 4 maggio scorso) la cui produzione attuale spazia dalla scultura alle performance in strada. Il suo processo di apprendimento è autodidattico; la sua sperimentazione si avvale dei materiali più disparati.

Orbene, quest’oggi, percorrendo le vie di Trastevere, naturale sala espositiva per i più raffinati street artist, siamo incappati in un’opera del nostro amico Canz:

_MG_7434-3

l’opera (dimensioni in cm: 33 X 38 c.a.)

che faceva mostra di se dove il Vicolo del Piede si appoggia in Via della Pelliccia:

_MG_7434

In ottemperanza a quanto espressamente riportato sul retro dell’opera che recita testualmente “Arte da Rubare”, ce ne siamo impossessati ed abbiamo lasciato spoglio il muro di Vicolo del piede:

_MG_7435

Per un paio di giorni conserveremo gelosamente quest’opera che Canz ha deciso di esporre; poi la daremo in custodia definitiva ad un nostro concittadino, raffinato cultore di arte ipercontemporanea!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.