Per luoghi misteriosi /139

Articoli precedenti interessanti il sito visitato: Reportage dal Salumificio abbandonato (23 novembre 2015) – 92, 93, 94, 95

Iniziamo, come di consueto con il Salumificio Cecconi, un lungo reportage che si prolungherà su vari giorni; è ormai nostra abitudine visitare, a più riprese, questo immenso sito abbandonato, ciascuna della durata di interi pomeriggi, quanto è grande. Poi il tutto va nel cassetto e improvvisamente ci riappare con tutta la sua forza, fatta di immagini e di colori. Allora ci mettiamo di buona lena, sviluppiamo tutte le foto (n.d.r. che noi scattiamo rigorosamente in formato negativo digitale) con una meticolosità certosina e mostriamo poi ai frequentatori del progetto “FotografiaErrante“. Dire quanti articoli redigeremo sulle visite effettuate al Salumificio nel corso del 2021, è prematuro; man mano che produciamo il materiale avremo una visione più chiara della situazione.

Iniziamo intanto con la visita effettuata il 7 febbraio 2021. Ecco di getto tutta una serie di immagini.

Entriamo dal solito cancello, rigorosamente chiuso, ma mancante di una specchiatura metallica laterale; era così anche quando venimmo in visita la prima volta, sette anni fa; ma allora non sapevamo che fosse così semplice entrare e ci ammaccammo tutti i muscoli per scavalcare la recinzione, ovviamente nella parte opposta del sito rispetto all’entrata principale.

Il benvenuto ce lo dà Qwerty con un suo pezzo d’oro, finalizzato alla ospitalità e all’amore!

Iniziamo con il cercare pezzi nuovi nel padiglione ex vendite e poi nei sotterranei, una volta luogo di dolore per gli animali, una specie di mattatoio insomma!

__________________________________________________

Ora in posizione frontale.

________________________________

___________________________________________

Esaurite le novità a livello stradale, scendiamo nei sotterranei; qui di nuovo proprio poco!

_____________________________________________________

E ora, di corsa su per le scale, sconnesse e private del corrimano in ferro; situazione un po’ da brivido.

______________________________________________

Arriviamo all’ultimo piano; un salone immenso con un pezzo immenso; fotografarlo ci ha fatto penare.

in dettaglio.

Abbiamo terminato la prima visita del 2021; scendiamo e diamo anche un’occhiata all’aperto.

Il 7 febbraio dello scorso anno ormai lo abbiamo lasciato alle spalle; nel prossimo resoconto vedremo i pezzi trovati durante la visita del successivo 13 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.