Ritorno al luogo ai confini della realtà / appendice

Il reportage dalla fabbrica abbandonata dove un affiatatissimo gruppo ha sfoderato pennelli e bombolette per dar luogo ad una insuperabile performance artistica necessita di un’appendice.

Questo perché i due artisti coautori dell’opera presentata nel corso della prima puntata del reportage stesso (vedi articolo del 11 agosto scorso), la suggestiva interpretazione del leone della MGM, ciascuno per proprio conto, hanno realizzato un’altra opera.

Cominciamo con Pino Volpino; per non lasciare solo quello sgargiante leone vi ha realizzato vicino un simpaticissimo e decattivizzato, anzi direi impaurito, orso bianco alla deriva su di un piccolo lastrone di ghiaccio, forse un riferimento all’attualità del problema del riscaldamento globale che vedrà come prima vittima proprio l’orso polare.

IMG_0634     IMG_0635

IMG_0638     IMG_0640

un rapido abbozzo a matita e via di bomboletta

IMG_0665

ed ecco l’opera

IMG_0686

in buona compagnia

IMG_0685

i pezzi incastonati in quelle che erano due timide prese di luce per un ambiente nascosto da bui corridoi

L’altra artista, Marzia MNT, si è defilata ed ha scelto come sito ove esporre la propria opera una stanza luminosa:

IMG_0679

la “suspense” delle prime pennellate

IMG_0682-Modifica

il soggetto prende forma

IMG_0725-Modifica    IMG_0724

breve consulto con i colleghi Volpino e Gori

IMG_0723

ed ecco l’opera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.