Sulle sponde del Liri /6

Nuova carrellata di opere esposte in quello che ormai possiamo definire un museo spontaneo di arte ipercontemporanea; il sito è una vecchia cartiera situata sulle sponde del fiume Liri, quello che, al confine con la Campania, si fonde con il Gari ed insieme  danno origine al Garigliano. Due caratteristiche particolari fanno di questo fiume un fiume speciale; la prima e che, su di esso, c’è il primo ponte sospeso (1832) realizzato in Italia (nei pressi della foce); la seconda che lungo il suo corso, a Sessa Aurunca, è presente una centrale nucleare, costruita tra il 1960 e il 1964, chiusa nel 1974 e disattivata nel 1982, ma sembra che ancora oggi siano in corso le operazioni di smantellamento e bonifica.

Questo museo spontaneo, dicevamo, si sta arricchendo di giorno in giorno di nuove opere e chissà quante sorprese espositive ancora ci concederà dopo quest’ultima carrellata che andiamo ad intraprende questa sera e porteremo avanti per alcuni giorni. Il nuovo intervento espositivo è stato effettuato da sette street artist il 27 settembre scorso.

Iniziamo a presentare il primo artista di questa nuova tornata; si tratta di un giovane promettente sperimentatore; come si vede, nella sua opera la prospettiva, nella realizzazione della figura vagamente antropomorfa, viene eliminata, il volto viene frazionato e ricomposto alla rinfusa, le parti del corpo e gli arti sono completamente sproporzionati, si viaggia rapidamente verso la scomposizione delle forme. La storia si ripete anche con le opere minori realizzate nel sito  dallo street artist Hober; ed ora la parola alle immagini:

IMG_2340

l’opera di Hober

IMG_2208

IMG_2238     IMG_2291

Work in progress

IMG_2339

l’ambiente

IMG_2388     IMG_2390

sopra e sotto, opere minori di Hober

IMG_2416     IMG_2419

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.