Edificio Fleming /2

Il primo giorno che vi abbiamo messo piede in questa ex fabbrica di medicinali, eravamo spinti, anzi trascinati, dalla notizia che c’era andato a realizzare la sua opera lo street artist Luis Gomez  de Teran, entrato prepotentemente nel mondo della street art romana nel mese di febbraio del corrente anno, dopo essersene stato all’estero, a Londra e a Berlino, a studiare e carpire i segreti di quell’arte che nasce, vive e muore rapidamente sui muri delle grandi città. Da allora ci ha regalato delle opere sublimi, volti di persone espressi con una drammaticità unica, capace di farci sentire i brividi lungo la schiena; su questo progetto lo abbiamo incontrato e documentato negli articoli rispettivamente del 27 marzo, 6 giugno e 26 luglio.

Vi presentiamo quindi l’opera realizzata da Gomez il  2 luglio scorso:

2.1

l’opera

2.4

particolare

2.2     2.3

work in progress

Luis non si è fermato qui; dopo qualche giorno, forse una settimana è tornato a dipingere in questo sito e, al piano inferiore, ha realizzato quest’altra opera:

2.5

Una particolarità: queste due opere si trovano su due piani dell’edificio ma hanno la particolarità di stare sulla stessa verticale; due metri più avanti, sul pavimento, c’è un buco, probabilmente una volta vano per montacarichi; i due volti si cercano, quello al piano superiore guarda in basso, quello al piano inferiore punta gli occhi verso l’alto; ma i due sguardi non si intrecceranno mai. Noi abbiamo sfruttato quel buco per avvicinare idealmente quei due volti che insieme formano un’unica opera, chiamata “tra paradiso ed inferno” dallo stesso artista:

2.6

tra paradiso ed inferno

———————————-

Ed ora ci permettiamo una surreale visione delle opere nell’ambiente:

2.7

2.8     2.9

:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.