Il Muro Libero della fermata FL1 a Villa Bonelli /24

Torniamo a conversare della nostra passione artistica dopo tre mesi di silenzio aggravato dal triste evento che ha duramente colpito negli affetti il mondo della street art romana e, nello specifico, dopo un anno e mezzo a vedere i pezzi esposti al parcheggio della stazione di Villa Bonelli; con l’impegno solenne di fare una retrospettiva degli eventi succedutisi in tutto questo tempo, siamo ansiosi di mostrare  i pezzi e gli attori “beccati” nella nostra odierna escursione lampo. Con grande gioia e con una punta di orgoglio abbiamo fatto la conoscenza di due writers inglesi in escursione sul muro libero forse più ambito e sicuramente più frequentato di Roma. Loro sono “Captain Kris” e “Squirlart” (chi volesse approfondire visiti le loro pagine fb) e li abbiamo trovati mentre stavano realizzando due puppets. Vedrete nelle immagini che, a loro insaputa, oggetto della loro performance erano due animali che a Roma sono espressione di grande rivalità sportiva fatta principalmente di “sfottò”, un’aquila e un giovane lupo, che qui, invece, sono rappresentati in somma armonia. Nella immagine che segue, ecco come abbiamo pizzicato i due giovani writers

_____________________________

Intenti a realizzare, uno l’aquilotto, l’altro il giovane lupo, guarda caso, che indossa un elmo di foggia antico-romana

      

________________________________________

      

work in progress

      

ultime rifiniture

      

apposizione delle rispettive firme

____________________________________

Ed ecco il pezzo finale!

_____________________________

 primo piano dell’aquila

e quello del lupo

________________________________

Ovviamente la nostra visita non si è concentrata esclusivamente sull’operato dei due writers inglesi; li vicino c’era un altro artista, un writer romano, lui si chiama Brown; in ossequio al suo desiderio di non apparire in foto, ci limiteremo a presentare il pezzo da lui realizzato, sulle righe, molto elegante; eccolo:

Brown

________________________

Li affianco abbiamo trovato un pezzo multicolore di Wies, realizzato molto di recente, pensiamo non più di una settimana fa; eccolo

Wies

Conclude questo tratto di muro un altro pezzo, anch’esso realizzato di recente, di Demos:

Demos

____________________________

Nella stretta stradina che permette l”accesso al piazzale delle fermate dei bus e e ai binari di stazione tra i tanti, abbiamo colto un pezzo doppio della Black Hand, nello specifico nelle persone di Bone e Bite:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.