Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /469

Approfittiamo della bella stagione che intende quest’anno bussare direttamente alle porte di ghiaccio del dio Inverno per farci una bella passeggiata per le vie caotiche del XIX quartiere istituzionale della città, uno dei più popolosi. Stiamo parlando ovviamente di Centocelle. Arriviamo dalla cosiddetta pista ciclabile di viale Palmiro Togliatti, che con uno sforzo sovrumano della nostra mente chiamiamo “ciclabile” e ci arrampichiamo per via dei Platani fino a piazza dei Mirti.

Ah, dimenticavamo di dire il perchè della nostra gita proprio a Centocelle; ecco, ci era giunta voce che ci stavano in giro dei pezzi (poster e stencil) di un giovane street artist, ancora poco conosciuto, ma dal carattere molto forte e con una linea artistica tutta sua. Perchè quindi non andare a cercarli facendo una piccola caccia al tesoro a cavallo della nostra bicicletta?

Eccoci quindi all’opera per cercare quanti pezzi più possibile di Dharani; scopriamoli insieme; imbocchiamo via delle Ninfee e giunti in piazza delle Conifere, all’inizio di via dei Frassini, addosso ad una cabina servizi, probabilmente ACEA, ci appare subito un luminosissimo poster

Dharani – fanciulla con mazzo di spighe 

primo piano

Allungando per via dei Frassini ed imboccando via dei Faggi, eccoci arrivati su via dei Castani; lì, proprio di fronte al chiosco di una gentile fioraia troviamo uno stencil

il secondo pezzo di Dharani

 

Torniamo sui nostri passi e con una lunga pedalata arriviamo direttamente a cercare pezzi sul muro del mercato coperto di piazza delle Iris; qui Dharani ha realizzato diversi pezzi

fanciulla tra i rifiuti

un Trump fanfarone

vicino a una finestra con sbarre e rete rigide; un buon auspicio

giovanette  nella follia

nell’ambiente

________________________________

Apriamo ora un piccolo intermezzo perché, sul muro di quel mercato abbiamo trovato anche tracce del passaggio del maestro Aladin

breve schizzo di Aladin

________________________________

E ora andiamo a vedere l’ultimo pezzo di questa caccia al tesoro Dharani; da piazza delle Iris imbocchiamo via dei Ciclamini e, subito dopo l’ufficio postale, ben nascosto sulla faccia di un piccolo manufatto di servizio, c’è un altrettanto piccolo, ma stupendamente raffinato, volto di Frida Kahlo; eccolo

Frida Kahlo vista da Darhani

       

passaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.