Sulle sponde del Liri /16

Come di consueto, con frequenza ormai abbastanza regolare, torniamo nella cartiera abbandonata che si trova nel basso Lazio, su un’ansa del fiume Liri, quello che scendendo dalla Marsica, accoglie le acque di drenaggio della bonifica della piana di Avezzano, attraversa la splendida Valle Roveto, a Isola Liri forma delle discrete cascate, e giunto in pianura si abbraccia il Gari formando il Garigliano che nel suo ultimo tratto forniva acqua per raffreddare il nocciolo di quella centrale nucleare che fu attiva fino al 1982 e che sembra, dico sembra, sia stata smantellata solo di recente e il suo feto messaggero di morte sia stato portato in Inghilterra per la sua neutralizzazione e riconversione. Sembra anche che il reattore e la turbina, al termine della bonifica diverranno patrimonio dell’architettura industriale italiana e sarà protetto dal MIBAC. Una curiosità, il progetto di quella Centrale, realizzata negli anno cinquanta del secolo scorso è firmato da un architetto divenuto ormai famoso dopo il fatto di Genova: Riccardo Morandi.

Nella cartiera, dove ormai i frequentatori del progetto “FotografiaErrante” sono divenuti di casa, alcuni giorni fa il maestro Mister Thoms ha lasciato nuovamente traccia della sua arte, realizzando un altro pezzo, multicolore e gioioso, solo come lui sa fare. Che si tratti della rivolta della natura che inizia col mangiarsi il contadino!?

il pezzo di Mr. Thoms

visione d’ambiente

_______________________________________________

particolare 1
particolare 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.