Per luoghi misteriosi /57

Articoli precedenti interessanti il sito visitato: 42, 43, 44, 45

Iniziamo oggi il report dell’interminabile viaggio intrapreso ieri per il territorio del basso Lazio, dagli impervi appennini alle immense distese di arenile lambite dal mar Tirreno.

Momento ispiratore e motore propulsivo di questo azzardo estivo era una malandata fotografia che circolava nel web circa il nuovo pezzo realizzato da Oniro sul muro di un edificio di pertinenza della cartiera abbandonata da noi ampiamente descritta negli articoli di cui al primo capoverso. Nostro scopo era quello di dare il giusto valore al quel pezzo con uno scatto quanto meno accettabile sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista emotivo.

Poi, come si dice, l’appetito vien mangiando, e in serata, dopo aver messo a dura prova la nostra resistenza fisica, avevamo un consuntivo di tutto rispetto: quattro siti abbandonati visitati, di cui due mai visti da cercatori d’oro, tanti pezzi nuovi da aggiungere al nostro strabordante archivio e una cospicua serie di immagini sull’archeologia/artigianato industriale della decadente Italia.

Ma andiamo in ordine; per arrivare alla Cartiera dalle origini borboniche, si passa per Sora; e lì ci siamo fermati per registrare il primo pezzo della giornata che è in tema con la nostra escursione. Un grande muro cieco di un palazzo della periferia della cittadina laziale che possiede le chiavi della abruzzese valle Roveto. Un pezzo magistrale; l’autore, Oniro ovviamente!

il pezzo di Oniro

punti di vista

l’ambiente

____________________________________________

Fatta questa premessa arriviamo rapidamente alla cartiera e subito incontriamo il pezzo, meta del nostro viaggio. E diamo finalmente a Cesare quel che è di Cesare: un occhio luminoso, brillante, emotivamente esplosivo; la pupilla di un colore che contiene tutte le sfumature del verde, dell’azzurro; in quell’universo brillano anche le stelle.

“l’occhio” di Oniro nell’ambiente

_______________________________________________________

Già che ci siamo, facciamo una vista rapidissima nella cartiera prima; subito dopo di affacceremo nell’edificio servizi, di recente costruzione, mai entrato in attività e rapidamente degradato a rudere; il tutto a caro prezzo pagato ovviamente dal contribuente.

  1. cartiera
un pezzo per tutti
la cattedrale di santa carta

2. edificio servizi

in primo piano Dralm

due pezzi esterni, sfuggiti alla nostra prima visita

sul muro insieme a un terzo pezzo, tutti di Dralm

________________________________________________

E’ fatta; però, prima di partire, facciamo un salto nel centro storico del paese dove ci troviamo; guarda caso, in un’altro dei tanti edifici abbandonati del paese (degno rappresentante dello sperpero di denaro pubblico, tutto italico), in questo caso l’ex edificio pseudo ospedaliero/primo soccorso. Saliamo sul tetto e troviamo altri due pezzi, un po’ datati e aggrediti dal tempo; eccoli.

ora ci avviciniamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.