Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /534

Ricordate l’abbuffata del 2016, quando dedicammo al Forte Prenestino una decina di articoli sulla street art colà custodita? Ci infilammo in tutti i cunicoli di quello spettacolare labirinto e portammo a galla fantastici pezzi realizzativi nel corso degli anni dalla sua occupazione fino all’ultimo Crack che vi si era tenuto.

Poi l’oblio; ci siamo diretti verso altri lidi e abbiamo, nel nostro piccolo, ininterrottamente dedicato il tempo disponibile a documentare lo sviluppo di questa arte ipercontemporanea per le strade della Capitale e per i tanti siti abbandonati di cui è ricca la sconfinata periferia romana.

Alcuni giorni fa, un’amica ci ha proposto di tornare al Forte Prenestino per andare a vedere un pezzo, custodito nell’Enoteca, realizzato da un artista famosissimo dice lei. Incuriositi abbiamo fatto una breve ricerca sul web e abbiamo accertato che l’artista citato dalla nostra amica, è diventato effettivamente famoso; lui si chiama, anzi è più corretto dire si chiamava Bad Trip (cattivo viaggio), Professore Bad Trip; è scomparso nel 2006 a 43 anni. Nel 2016 a Roma si è tenuta una mostra delle sue opere in una importante Galleria di Trastevere. Effettivamente lui, giovane talento dell’arte underground, era passato prima del 1995 per il Forte Prenestino e vi aveva realizzato un capolavoro che viene conservato gelosamente per l’appunto nella Enoteca.

Che il pezzo che presentiamo questa sera risalga più o meno a quella data lo abbiamo accertato leggendo una sua intervista dove parla con cognizione di causa del Forte Prenestino e dice: “I centri sociali sono gli unici spazi culturali gestiti dal basso e orizzontalmente: non se ne può che parlar bene. Forte Prenestino è il massimo, è grandissimo, e i romani sono più rilassati e meno tesi dei milanesi. Spero si tenga lì il grande Free Festival+Rave del 2000!”

Chissà se il Free Festival+Rave si realizzò poi.

Ecco l’opera!

Professor Bad Trip
nell’ambiente espositivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.