Per luoghi misteriosi /117

Articoli precedenti interessanti il sito visitato: 49, 50, 61, 64, 66, 71, 78, 81, 90, 96, 97

Prima visita post-covid quella che facciamo oggi a questo sito divenuto inizialmente l’atelier di 0707 che raccoglie molti pezzi di questo plasmatore di volti femminili; successivamente ha ospitato anche pezzi da novanta del writing romano, divenendo di fatto un grande museo di arte ipercontemporanea.

E’ una giornata piovosa ma ci siamo impegnati a tornarci perché siamo alla ricerca di alcuni pezzi visti girare per il web, roba forte; e abbiamo valido motivo che siano custoditi proprio qui.

Ne approfittiamo anche per vedere come stanno le opere che qui abbiamo lasciato all’inizio del mese di marzo; l’ultima visita risale ad alcuni giorni prima della chiusura totale delle attività umane.

Entriamo accompagnati da qualche goccia di pioggia ma prima di metterci all’asciutto vediamo come sta il famoso pezzo “Burners”.

“Burners” di Orgh e Muge – a destra “Memento Mori” di 0707

Andiamo all’ingresso di servizio e ci appare il primo volto qui dipinto da 0707, la sua realizzazione risale alla primavera dello scorso 2019. Proprio di fronte a questo pezzo troviamo anche qualcosa di nuovo. Vediamo!

Poi in due stanze vicine andiamo a vedere altri due pezzi che ancora non avevamo presentato ai frequentatori del progetto FotografiaErrante.

_________________________________

E’ smesso di piovere; improvvisamente ci ricordiamo che sul tetto ci sono dei pezzi e che essi potrebbero interagire con eventuali ristagni di acqua presenti in cima all’edificio. Quindi su di corsa per le scale……. usciamo dalla porta a sinistra e siamo ripagati.

rivediamo sotto un’ottica tutta diversa i pezzi di Stone e Necos già visti l’1 marzo

sfruttiamo al massimo quella pozzanghera.

aspè, un ultimo scatto e passiamo dall’altra parte!

Ed eccoci dall’altra parte di quel manufatto; lì, ricordate, ci sono i pezzi visti il 5 febbraio scorso.

Nina e Orgh

Ora andiamo alla ricerca dei pezzi per i quali ci siamo mobilitati; devono per forza stare nei piani intermedi.

Al secondo piano, sottotetto, non c’è nulla di nuovo; è rimasto tutto come lo avevamo lasciato. E al primo piano, ecco la sorpresa; qui come avevamo giustamente previsto, stanno i nuovi pezzi per i quali avevamo intrapreso il viaggio! Iniziamo il report.

ecco il pezzo di Necos
inserito nell’ambiente

Passiamo attraverso quella porta; entriamo nella successiva stanza ed ecco un altro pezzo.

Serial

Laggiù c’è un salone che ha tutta l’aria di ospitare qualcosa di grosso. Andiamo!

i due pezzi nell’ambiente
cambio di posizione

Qui termina la nostra visita. Ce ne torniamo a casa veramente soddisfatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.