Outdoor festival 2014 /1

Con questa carrellata, che inizia oggi 16 novembre, vogliamo presentarvi le opere esposte alla Dogana di S.Lorenzo che si trova a ridosso dello Scalo S.Lorenzo, nell’omonimo quartiere romano, stazione oggi utilizzata come deposito per i treni Eurostar di Trenitalia, dove la notte vengono ripuliti, manutenuti e a volte anche raggiunti dai Writers avventurosi; una volta però questa stazione era il cuore del trasporto merci che quotidianamente riforniva la città di Roma di tutto ciò che aveva bisogno per sopravvivere e soprattutto vivere, stiamo parlando di fine ottocento e prima metà degli anni ’50, quando il trasporto su gomma era di là da venire e i treni la facevano da padroni!

All’interno degli immensi locali della Dogana, ormai vuoti ed abbandonati a se stessi, in attesa dell’assalto dei palazzinari romani che stravolgeranno questo luogo di meravigliosa archeologia industriale, ha trovato allocazione la quinta edizione di Autdoor Festival – Moving Forward. Negli anni passati, in giro per Roma o meglio dire al quartiere Ostiense di Roma durante le precedenti edizioni sono state realizzate grandi opere firmate Luca di Maggio, Rero, Sten & Lex, Borondo, Brus, Momo, Sam 3, Agostino Iacurci, Kid Acne, C 215, JBRock solo per citare i più famosi; quest’anno, all’ombra della Dogana si è tentato anche l’esperimento più difficile, ma non per niente, il più riuscito, quello di portare dei Writers puri (quelli che fanno “Lettering”) tra quattro mura, cosa impensabile fino a ieri!

I partecipanti all’edizione di quest’anno, provengono da tutti i continenti, esclusi Australia ed Oceania, i paesi rappresentati sono sette, gli artisti sono: gli italiani JBRock, Laurina Paperina,  Brus, Ike, Hoek, Tnec e Galo, il francese Thomas Canto, i greci del guppo Blaqk, la giapponese Lady Aiko, il norvegese misterioso Dot dot dot, i sudafricani Faith 47 e Jack Fox, lo statunitense Buff Monster.

Se avrete la costanza di seguirci in questo viaggio all’interno di questo mondo di Arte, ed è proprio il caso di dirlo, Con”temporanea”, perché è ufficiale che tutto qui andrà, a breve, demolito, anche chi non ha avuto la possibilità di visitarlo, potrà dire: “C’ero anch’io!”.  Vi presenteremo le opere cercando di ripercorrere l’itinerario così come lo farebbe un visitatore che entrasse alla dogana e si apprestasse a immergersi nell’atmosfera surreale di questo meraviglioso sito.

Si varca un cancello enorme ed entrando nel piazzale si comincia a respirare subito un’aria che odora di arte; di fronte a noi, prima di girare a destra,  scorgiamo un piccolo fabbricato, che probabilmente una volta serviva per ricoverarvi gli attrezzi ferroviari per la manovra dei carri merci: è tutto dipinto. La parete rivolta verso di noi presenta la prima opera che è dell’artista giapponese Lady Aiko:

_MG_1473

il coniglio writer 

Altre due pareti sono state realizzate da JBRock:

_MG_1474

l’opera

_MG_1476    _MG_1472

l’ambientazione fra le architetture di un sito carico di fascino

Dopo questo assaggio, torniamo sui nostri passi e ci rechiamo all’ingresso del Fabbricato che ospita Outdoor 2014, facciamo il biglietto che, per nostra fortuna, è valido per tutto il periodo della manifestazione e così avremo la possibilità di ritornarci svariate volte. Ci registriamo come visitatori abituali ed entriamo nel primo grande salone ………………………………….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.