Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /354

Continuiamo la nostra visita a Torino. Il nostro obiettivo è il CSOA Gabrio, che ci ha ospitato per parlare della street art romana; il movente è stato il nostro libro sui Centri di Aggregazione Sociale romani. Si è dibattuto fra l’altro sul valore e sulla forza della street art, del suo essere espressione dell’inquietudine giovanile prima di essere una vera e propria arte; ci si è chiesti se esiste un confine fra vandalismo ed arte, se può ritenersi street artist colui che si concede a Curatori e Gallerie. Anche quel Centro di Aggregazione Sociale, come ormai siamo abituati a constatare, è uno scrigno, una fucina di avanguardia artistica; esso custodisce una miriade di pezzi (murales) e se fosse stato a Roma, sicuramente avrebbe meritato un capitolo nel nostro libro. Fra poco entreremo dentro questo Centro di Aggregazione Sociale e faremo la conoscenza di buona parte dei pezzi che vi sono custoditi, ma dobbiamo avere ancora un po di pazienza, a noi piace guardarci intorno, bighellonare senza meta e godere dei pezzi che all’improvviso ci capitano davanti.  In dirittura di via  Francesco Millio, dove ha sede il Gabrio, in un parcheggio su via Gabriele D’Annunzio che sta a ridosso della più nota via Paolo Braccini, abbiamo scovato uno di quei muri, che a Roma chiameremo liberi. E qui ci siamo divertiti ad immortalare i pezzi che vi abbiamo scovato; il tutto sotto lo sguardo, tra l’incuriosito e il riprovevole, dei passanti che evidentemente non sono abituati, come lo si è a Roma, a vedere qualcuno che si interessi a questa forma d’arte. Ed ora la parola alle immagini!

354a

354b

354c

354d

354e

354f

354g

354h

354i

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.