Per luoghi misteriosi /38

Ed eccoci finalmente entrati per la seconda volta nel luogo abbandonato di cui abbiamo parlati nel precedente articolo di questa rubrica; parliamo di quattro giorni fa, quando, in visita a una fabbrica dismessa, che una volta ospitava lavorazioni inerenti parti di carrozzerie di automobili (nostra congettura avvalorata da ritrovamenti “in situ“), fummo costretti da una persona che saltuariamente vi lavorava, ad abbandonarla in fretta e furia. Oggi ci siamo ritornati e abbiamo raccolto dati in maniera esaustiva. Ora siamo in possesso di tutti i pezzi che, alla data di oggi, colà, sono custoditi.

Diciamo, fin da ora, che il posto sarà oggetto di una nostra nuova visita, in quanto da alcune situazioni trovate, possiamo dire che alcuni pezzi, che ovviamente non presentiamo, ancora sono “in fieri“.

Diamo ora la parola alle immagini.

l’agente in avanscoperta

un pezzo di Muge

____________________________________

TDS di Nina
Orgh

________________________________________________

Dal salone centrale, entriamo il un locale lungo e stretto, probabilmente una volta adibito a deposito di parti lavorate.

pezzo di Born visto anche nell’ambiente

____________________________________

il pezzo che avevamo intravisto alla sua destra, Noa
il doppio pezzo alla sua sinistra

i due componenti

_______________________________________

intenso ritratto sulle mattonelle del settore servizi igienici

due pezzi di Muge

_______________________________________

altro piccolo pezzo, deteriorato per distacco di intonaco, di giovane volto femminile

_____________________________________________________

Per ultimo, ovviamente per questa sera, abbiamo lasciato una vera e propria perla. Lì per terra abbiamo trovato un immenso telo di plastica, le dimensioni approssimative sono 8 X 2 (in metri), era completamente affrescato. Abbiamo provveduto a distenderlo, a ripulirlo dei numerosi escrementi di piccione e infine, faticando non poco, siamo riusciti a fissarlo a una delle pareti del salone principale, utilizzando i cardini di un paio di porte tagliafuoco e con l’ausilio di due chiodi faticosamente reperiti in giro.

IL contenuto che ora vediamo, è un poderoso pezzo realizzato a sei mani, completo di uno stratosferico puppets; gli autori sono Muge, Born e Noa.

il pezzo

Ci vediamo domani per completare la visita al sito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.