Per muri liberi /15

E siamo arrivati a sabato; uno splendido sole ci ricorda che avevamo assunto l’impegno di tornare a Torbellamonaca per testimoniare, una volta realizzata, la murata pro Graff Dream.

Arriviamo e constatiamo con estremo piacere che nessuno hanno avuto l’ardire di parcheggiare la propria automobile a ridosso dei pezzi, anzi abbiamo a disposizione un sacco di spazio da cui realizzare buone foto.

La murata si sviluppa principalmente su tre muri di sostegno di altrettante aree di parcheggio terrazzate; poi, i writer ritardatari che non avevano trovato posto su qusti muri, si erano dovuti accontentare di realizzare i loro pezzi su alcuni muri secondari laterali. E il nostro reportage inizia proprio da questi pezzi.

Partiamo col primo pezzo realizzato da un giovanissimo Musu, a lui l’onore di aprire le danze.

Saul
Nove
Yupe
Shez e C.Duo

questi ultimi vediamoli separatamente

_________________________________________________

Fatta questa premessa, andiamo a vederci le tre murate iniziando da quella più alta.

Qui, nel complesso, dominano i colori freddi, con qualche eccezione ovviamente. Avviciniamoci e andiamo a vederci i pezzi uno per uno.

IL pezzo di Bol è in onore e a sostegno delle donne che lottano per non farsi derubare della loro casa, la casa della donna “Lucha y Siesta” di via Lucio Sestio a Cinecittà/Quadraro, la bellissima antica stazione “Cecafumo” dell’antico trenino dei Castelli Romani.

*Foto di copertina: il graffitaro Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.