Il Muro Libero della fermata FL1 a Villa Bonelli /44

Primo articolo sul muro libero di Villa Bonelli, ma non prima visita. Abbiamo già raccolto parecchio materiale, in questo breve scorcio del 2020, ma i tanti impegni ci hanno impedito di tirare le somme. Oggi facciamo la cronaca di quanto è successo quest’ultimo fine settimana e poi, ci impegniamo fin da ora, faremo un dettagliato report di quanto è accaduto negli appena trascorsi mesi di Gennaio e Febbraio.

Quest’ultimo week end murata di eccezione, colori caldi, quattro pezzi da paura, tra cui un raffinato puppet, un impegnatissimo cercatore di pietre preziose, dagli occhi spiritati e una piccozza da viaggio. Iniziamo dalla murata completa e poi, come di consueto, scendiamo nei dettagli per evidenziare i singoli pezzi.

la murata

iniziamo dal puppet.

il cercatore di smeraldi; autore Hoek

______________________________________________

E ora i pezzi letterali; ne mostreremo due versioni; la prima è il pezzo ripreso nell’ambiente incorniciato tra muro di sostegno e pavimento in sampietrini del parcheggio. La seconda versione mostra invece il pezzo completamente estrapolato dal contesto in cui si trova; come se fosse stato realizzato su una tela e, anche in questo caso, il fascino che emanano è superlativo.

Primo pezzo: Muge

_________________________________________________

Secondo pezzo: Ike

________________________________________________

Terzo pezzo: Poim

________________________________________________________

Dopo questa scrupolosa visita, non ci resta che inquadrare la murata nel contesto ambientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.