Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /601

Il primo murale al giorno della serie del sesto centinaio vale il doppio; siamo andati a scovarlo in piazzale Prenestino, zona Pigneto, fucina di arte ipercontemporanea oltre che essere il luogo freak per eccellenza di Roma.

Sulla spalla che sorregge l’inizio di quella famigerata sopraelevata, tirata su nei primi anni settanta con piloni immensi di acciaio rosso buttati lì almeno cinque anni prima, di fianco a uno storico murale di almeno 5 anni fa, sono comparsi due poster dalle dimensioni ragguardevoli (2 X 3 in metri) realizzati ed esposti dal Collettivo Novecento. Loro sono Leonardi Crudi ed Elia Novecento; le loro opere le chiameremo “I Pezzi Gialli” e fra qualche giorno scopriremo perché.

Per una volta loro lasciano l’ambiente dell’underground della seconda metà del secolo scorso e si proiettano nell’attualità. E’ il momento di vedere i pezzi.

Leonardo Crudi ed Elia Noveecento

Andiamo in primo piano!

l’ambiente espositivo

__________________________________________

un delicato appoggio allo storico pezzo presente “in situ” da molto tempo

E ora una selezione di immagini avente un filo conduttore legato alle privilegiate forme di spostamento in era Covid19.

ora ti raggiungo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.