Il Muro Libero di via Renato Cesarini /25

Eccoci, come da formale impegno assunto, al secondo report necessario a ricostruire l’evoluzione artistica del muro libero sito al parcheggio (fortunatamente quasi sempre vuoto) di via Renato Cesarini, area Tintoretto dell’immenso quartiere Ardeatino, il ventesimo della suddivisione toponomastica romana, forse la più antica e sicuramente la più intrigante fra quelle annoverate da tutte le città del mondo.

Oggi è la volta di presentare i pezzi apparsi a fine estate; la pandemia da Covid19 sembrava, ai più, ormai definitivamente lasciata alle spalle; e quella mezza euforia traspirava anche dai pezzi che via via prendevano forma; i colori erano tornati solari, come si addice a un writing felice.

Iniziamo con una murata sospesa nello spazio fra asteroidi collegati da una improbabile ferrovia pionieristica.

Marcy, Ike, Shemo

avviciniamoci un po’!

____________________________________________

Sul muro di spalla ecco apparire una ampia murata monocromatica, espressione della MCSM Crew.

Same, Res, Terak e Sooper

Ecco i pezzi uno per uno.

Torniamo sul muro principale e troviamo altri due pezzi.

Curt e Curl di Uor della TBD Crew

Chiudiamo questa seconda puntata con un pezzo trovato sul lato estremo del muro libero; eccolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.