Per luoghi misteriosi /132

Articoli precedenti interessanti il sito visitato: 9, 10, 11, 48

E questa sera è la volta della Casa del Rugby; anche con questo sito intendiamo chiudere il 2020 così da iniziare il nuovo anno con le carte in regola.

Qui entrammo la prima volta tre anni fa precisi: quella piscina immensa, quella palestra che non ha nulla da invidiare a un hangar per il ricovero di in Boeing 737, quelle numerosissime stanza destinate ad accogliere centinaia di atleti e mai utilizzate, quel campo da Rugby con tanto di tribuna che non ha mai visto una palla ovale, quello sconfinato garage sotterraneo capace di accogliere migliaia di automobili e che mai ne ha vista una, quel vellutello sparso un po’ ovunque, ci colpirono letteralmente e ci stesero anche per terra!

Ci siamo entrati pere due volte quasi consecutive, la prima a novembre e la seconda poco prima della fine dell’anno; dobbiamo ammettere che quell’atmosfera celestiale che respirammo nel corso delle prime visite, non la abbiamo purtroppo respirata; il luogo forse ci aveva detto tutto allora.

Fortuna ha voluto che, specie con l’ultima visita, vi trovassimo pezzi di elevatissimo valore artistico; e questo ha in parte smussato il fastidio che abbiamo inizialmente avvertito.

Appena entrati troviamo alcuni ospiti e facciamo subito amicizia; troviamo anche il primo pezzo, qui esposto da una nostra beniamina, Alessia Babrow.

il pezzo di Alessia Babrow
tracce di vita

__________________________________________

Dopo questo primo incontro andiamo verso la zona piscine; qui si sono alcune novità.

___________________________________________________

CI spostiamo di poco, passiamo attraverso alcuni stanzoni per arrivare alla posizione ideale per vedere la piscina olimpica.

____________________________________________

Ed eccoci in posizione!

la piscina da un lato
e dall’altro

__________________________________________________

E’ ora il momento di scendere nei sotterranei, in quello che dovevano essere i garages; scendiamo la rampa e prima di entrare troviamo il primo pezzo, di un writer di nostra vecchia conoscenza.

Rogh di Orgh

_____________________________________________

Viste le premesse, entriamo baldanzosi; speriamo che altre sorprese ci attendano.

Selet e Tadh

_____________________________________________

E finiamo in bellezza; ecco un altro pezzo!

Orgh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.