A zonzo con Dante e Virgilio – 10

Oggi restiamo nella città di Dite, ricordate? Sesto cerchio, quello degli eretici. Dante incontra Farinata degli Uberti, noto Ghibellino, uomo dell’Imperatore che conquistò Firenze dopo la “disfatta di Montaperti”. Quando i guelfi e il Papa si ripresero Firenze, le sue spoglie furono riesumate e disperse.

Ed el mi disse: «Volgiti! Che fai? 
Vedi là Farinata che s’è dritto: 
da la cintola in sù tutto ’l vedrai»

il compito di narrare artisticamente il decimo canto è stato assegnato a Yest; logisticamente ci troviamo sempre in via del Forte Braschi, in prossimità del civico 81. Vediamo cosa ha realizzato Yest.

Dante parlando con Farinata si dichiara Guelfo, papalino, e scambia con lui qualche pungente battuta.

S’ei fur cacciati, ei tornar d’ogne parte», 
rispuos’io lui, «l’una e l’altra fiata; 
ma i vostri non appreser ben quell’arte

Anche in questo caso abbiamo avuto il privilegio di essere cronisti della realizzazione del pezzo da parte di Yest. Ecco alcuni momenti del suo lavoro.

_________________________________________________

Il nono canto quindi si rivela un vero e proprio affare di politica interna fiorentina; Dante cita le lotte per il potere nella città dove si scontrano due fazioni, i Guelfi, fautori del potere temporale del Papa e i Ghibellini che strizzano l’occhio alla casata sveva degli Hohenstaufen che acquisì la corona imperiale.

____________________________________________

Intanto Yest ha terminato il suo pezzo e ora ce lo vediamo in tutta comodità.

Nel frattempo Dante e Virgilio imboccano un sentiero, si incamminano e arrivano al bordo del Cerchio ma all’improvviso devono fermarsi per il tremendo fetore che sale da sotto. Essi si ritraggono e decidono di attendere fino a quando il loro naso non si sarà abituato alla puzza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.